10 libri 10 da salvare nel Novecento italiano. Ecco la nostra piccola proposta per qualche editore coraggioso

Share

Lo scrittore, bibliofilo e manager culturale Andrea Kerbaker e il giornalista e critico Luigi Mascheroni in questi giorni al Festival delle Storie (fino al 30 agosto in Valle di Comino) hanno proposto il progetto editorial-culturale “I libri da liberare” sui libri del Novecento italiano andati “perduti” nel tempo e che si devono recuperare riportandoli sul mercato editoriale: liberandoli, cioè, dall’oblio…

Con l’intento di proporre ai partecipanti del festival (e a tutti i lettori attraverso al Rete) alcuni titoli ingiustamente dimenticati e nella convinzione che qualche editore coraggioso possa in futuro dedicare a questi tomi un’apposita collana, i due curatori hanno selezionato dieci libri “da salvare” (per ora solo dieci, ma l’intenzione è di portare avanti l’idea nel corso degli anni, aggiungendo sempre nuovi titoli e autori).

Si tratta di libri molto diversi tra loro ma con alcune caratteristiche in comune: sono tutti nel Novecento, in prosa, di autori italiani in massima parte oggi dimenticati e che non sono più ripubblicati da almeno una ventina d’anni (il titolo del progetto, “I libri da liberare”, rimanda al concetto che “libri” e “liberi” derivano da un’etimologia comune: ripescarli dopo anni di dimenticanza è infatti un atto di libertà). Qui di seguito pubblichiamo la “lista” dei dieci titoli. Una lista naturalmente “aperta”: cioè da commentare, discutere, magari bocciare, di sicuro da “allargare”…

Ognuno è invitato a segnalare il proprio libro perduto

>Marino Moretti, La vedova Fioravanti (Mondadori, 1941, rist. 1952)

>Giuseppe Prezzolini, Dal mio terrazzo 1946-1959 (Vallecchi, 1960)

>Laurana Berra, La grande famiglia (Feltrinelli, 1966)

>Tonino Guerra, L’equilibrio (Bompiani, 1967)

>Giorgio Cesarano, I giorni del dissenso (Mondadori, 1968)

>Dario Bellezza, L’innocenza (Garzanti, 1970, rist. 1992)

>Orio Vergani, Abat jour (Longanesi, 1973)

>Giancarlo Vigorelli, Nel sangue lombardo (Munt Press, 1975)

>Manlio Cancogni, Le leonesse (Editoriale Nuova, 1982)

>Alfredo Antonaros, Tornare a Carobel (Feltrinelli, 1984)

1 Commento
  1. 3 anni ago
    Redazione

    io ripubblicherei di Paolo Monelli, OP ossia il vero bevitore, Longanesi 1963

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *